mercoledì 12 ottobre 2011

Proesia Selenide

Pallida Luna
che alta nel cielo
irradi d'argento
il buio terrestre

Come candida guida
che saggia e comprensiva
indica la strada
all'anima mia persa

T'ululo, t'ululo
e t'ululo ancora
quale licantropo smemore
che d'esser dimostro

T'ululo pel cambiamento mio
che provochi ogni volta
senza preavviso senza aspettare
il mio cambio di vestito

e questo era pure quello buono


Nessun commento: