martedì 14 giugno 2011

Proesia Idilliaca

Ognor batte felice il mio cor
al sol rimembro
del sorriso tuo soave
e al piangente salice
ricompare il sorriso
al leggiadro tuo passaggio


E ancor più ti priego
'sì lestamente scansare
codeste turpi ganasce
che com'orba talpa
serrasti vigorosa
fra le gambe mie



Nessun commento: